Assobiotec, l'associazione che, nell'ambito di Federchimica, riunisce  le industrie italiane impegnate nelle biotecnologie, rilascia periodicamente un bollettino, da cui attingiamo liberamente le brevi notizie qui riportate.  L'obiettivo è quello di mostrare come sia fuor di posto un approccio semplificato e riduttivo a problematiche sempre più complesse. La repressione, da Galileo alle biotecnologie,non è una risposta. 

Biotech.com non viene più stampata, ma diffusa attraverso il sito di Federchimica. Ogni breve notizia (riportiamo qui sotto le ultime) è seguita dalla dicitura "approfondimento" che, cliccata, conduce alla fonte della notizia o al sito in cui si trovano ulteriori dati. Per iniziare il viaggio nel futuro basta entrare nel  sito di Assobiotec e poi cliccare sulle "news".

qualche esempio e...l'albero della libertà :

AZIENDE BIOTECH PER LA DIFESA NAZIONALE 
L'associazione americana BIO (Biotechnology Industry Organization) ha promosso un evento, che si terrà il prossimo 30 aprile, per favorire l'incontro tra le aziende biotecnologiche e il Dipartimento della Difesa: sarà un'occasione per l'industria del settore di illustrare ai rappresentati governativi le possibili applicazioni delle biotecnologie (come i sistemi di rilevazione di agenti patogeni, o i trattamenti per antrace e vaiolo) per la sicurezza del Paese.


LE CAUSE GENETICHE DEL SONNAMBULISMO 
Secondo una ricerca presentata al 54° meeting annuale dell'American Academy of Neurology, il sonnambulismo che colpisce gli adulti (diverso da quello dei bambini) potrebbe avere una componente genetica. Il risultato potrebbe aiutare a risolvere questo stato di coscienza alterato che porta ad espletare atti motori complessi durante il sonno.


LIFE SCIENCE AND BIOTECHNOLOGY: A STRATEGY FOR EUROPE 

The European Commission issues on Wednesday 23 January 2002, its much awaited communication setting out a strategy for the development of biotechnology in Europe called "Life Sciences and biotechnology – A strategy for Europe." 
The Commission's strategy points to the strategic challenges facing the development of biotech in Europe up to 2010.


LINEE GUIDA PER LE BIOTECH 
Al Convegno sulla Biodiversità, promosso dalle Nazioni Unite e recentemente svoltosi in Olanda, sono state definite le linee guida, già adottate da 166 paesi del mondo, per regolamentare l'utilizzo delle risorse genetiche e, in particolare, per garantire a ogni popolo la possibilità di beneficiare delle proprie risorse naturali.


UN DATABASE PER LE MALATTIE RARE 
Il National Human Genome Research Institute (NHGRI) e il National Institutes Health's Office of Rare Diseases (ORD) hanno istituito un nuovo Genetic and Rare Diseases Information Center. Si tratta di un database che, per la prima volta, consente l'accesso, gratuito e immediato, a informazioni specialistiche relative alle malattie 'rare'. Solo in America, ci sono circa 6.000 patologie di questo tipo, che colpiscono 25 milioni di persone: fino ad oggi, proprio a causa della rarità delle malattie, era estremamente difficile reperire informazioni.


UN PROGETTO PER LA MANIOCA 
Al fine di contribuire a migliorare le caratteristiche qualitative e quantitative della manioca, pianta dei paesi tropicali le cui radici sono utilizzate per l'alimentazione, il Gruppo Monsanto ha concesso al Donald Danforth Plant Science Center, impegnato nelle ricerche per lo sviluppo di nuove varietà di questa coltura, la possibilità di utilizzare gratuitamente le sue tecnologie in ambito agricolo.


USA, SETTIMANA NAZIONALE DELLE BIOTECNOLOGIE 
Riconoscendo l'importanza delle biotecnologie per la ricerca e lo sviluppo in ambito medico, agricolo, industriale e ambientale, il senato degli Stati Uniti ha proclamato la settimana dal 21 al 28 aprile come 'National Biotechnology Week'.

AFRICA, UNA COMMISSIONE PER LO SVILUPPO DELLA GENOMICA 
Un gruppo di scienziati e di rappresentanti governativi di 7 nazioni africane hanno fondato l'African Genome Policy Forum, un'organizzazione finalizzata alla promozione della ricerca genomica e alla sua applicazione nell'ambito, in particolare, della salute.

EPILESSIA CANINA, UN PROGETTO VIA INTERNET 
Nell'arco di tre anni, grazie alla richiesta diffusa via Internet, il progetto 'Epilessia Canina' ha raccolto campioni di DNA provenienti da 3.500 animali malati. Il suo scopo è quello di identificare i geni coinvolti nella forma ereditaria della malattia, che potrebbero aiutare a comprendere meglio anche l'epilessia umana. 

ISAAA: COLTURE OGM IN CRESCITA NEL 2001 
Secondo un recente rapporto dell'ISAAA (International Service for the Acquisition of Agri-biotech Application), 5,5 milioni di agricoltori in 13 Paesi hanno coltivato, nel corso del 2001, piante geneticamente modificate: rispetto all'anno precedente, si è quindi registrata una crescita del 19%, pari a 20 milioni di acri.

LE BIOTECH PER LA CONSERVAZIONE DELLE SPECIE 
'Biotecnologie e sviluppo sostenibile: voci dal sud e dal nord del mondo': questo il tema di una conferenza, che si è recentemente svolta in Egitto, nel corso della quale è stato sottolineato l'importante ruolo delle 'banche dei geni' per la conservazione delle varietà di vegetali.

La "libertà" clonata, grazie al WWF
L'olmo di Montepaone, piantato nella località calabrese nel 1799, durante la breve esperienza della repubblica partenopea, potrà essere conservato, grazie alla clonazione e grazie all'interessamento del WWF. L'organizzazione ambientalista si era mobilitata per salvare questo olmo, tra i pochissimi 'alberi della libertà' sopravvissuti alla furia antigiacobina delle truppe sanfediste (che li abbatterono quasi tutti), riuscendo a coinvolgere nel progetto il Consiglio Nazionale delle Ricerche. Il CNR ha così provveduto a raccogliere, nel mese di febbraio, il materiale necessario e a trasferirlo nei laboratori di Firenze, dove stanno per essere avviati i processi di clonazione.

da "Biotech.com" del 17.3.2000

Introduzione alle biotecnologie

Il termine "biotecnologia" è un neologismo – introvabile nelle enciclopedie degli anni '60 – derivato dalla congiunzione di due sostantivi distinti:
biologia, intesa come studio degli esseri viventi e delle leggi che li governano, di cui fanno parte numerosissime scienze (per esempio botanica, zoologia, anatomia, genetica); tecnologia, intesa come studio dei processi e delle apparecchiature necessarie alla produzione di beni e servizi in una particolare area o industria.

In termini retrospettivi, possono essere riferite alle biotecnologie le secolari conoscenze naturalistiche e mediche dell'umanità, che hanno trovato applicazione nel progressivo sviluppo della scienza e della tecnica, con particolare rilievo agli impieghi destinati all'alimentazione ed alla cura della salute.

Nell'accezione moderna del termine, le biotecnologie identificano l'applicazione di metodi derivati dalla conoscenza delle scienze biologiche all'ottenimento di beni e servizi:
produzione di beni ottenuti mediante l'impiego di nuovi organismi (microrganismi, piante, animali) e/o loro prodotti (es. enzimi, ormoni), risultanti in larga misura dall'applicazione mirata di tecniche di modificazione genetica; fornitura di nuovi servizi (per esempio diagnostica, terapia, prevenzione, trapianto), risultanti dalla migliore comprensione della fisiologia, della genetica e della biologia molecolare.

La pervasività delle moderne tecnologie biologiche è illustrata nella tabella sottostante.

 

Biotecnologie: dalle scienze biologiche
alle produzioni agricole e industriali
Agronomi - Biologi - Genetisti - Microbiologi - Farmacologi
¯
¯
Nuove varietà vegetali e sementi
 
Nuovi organismi produttori
¯
¯
Agricoltura
®
Industria di produzione primaria
¯
 
¯
¯
Industria di trasformazione
 
Industria chimica
Industria farmaceutica
¯
¯
 
¯
¯
Alimenti e Mangimi
¬
Enzimi
Farmaci e Diagnostici
¯
¯
 
¯
¯
Distributori
Allevatori
 
Formulati
Sistema Sanitario
¯
¯
 
¯
¯
Consumatori
 
Utenti
Pazienti

 

In questo quadro generale assumono oggi particolare e progressiva rilevanza le scienze e tecnologie derivate dalla genetica e dalla biologia molecolare, che lasciano intravedere sostanziali prospettive di innovazione in molti e differenziati settori economici, ma generano al contempo diffuse inquietudini.

Le dimensioni del potenziale impatto delle biotecnologie sul nostro mondo sono assai ampie, e non riguardano solamente gli addetti ai lavori: nel mondo occidentale, circa la metà di quanto viene usato da consumatori e utenti è in qualche misura derivato o prodotto a partire da materiale biologico. Per rendere l'idea, le quantità di materie prime e prodotti biologici (per esempio mais, canna da zucchero, cotone, lino, lana, carta, alimenti, antibiotici…) prodotte annualmente nel mondo sono dello stesso ordine di grandezza di carbone, petrolio, acciaio, minerali e loro derivati.

È evidente l'enorme impatto innovativo costituito - nel bene e nel male - dalla prospettiva di incidere in modo tecnologico su questa realtà. Le sezioni che seguono sono strutturate in modo da fornire una panoramica di natura divulgativa sui principali aspetti applicativi delle biotecnologie.

dalle pagine di Assobiotec, nel sito di Federchimica 


               

Minidizionario biotech

a cura di Paola Nanni


Biotecnologia: ogni tecnologia che utilizza organismi viventi, (batteri, lieviti, cellule vegetali o animali di organismi semplici o complessi), o loro componenti purificati, (organelli ed enzimi) al fine di ottenere quantità commerciali di prodotti utili, o di migliorare caratteristiche di animali o piante, o di sviluppare microorganismi utili per usi specifici.

Ingegneria genetica: produzione di nuove combinazioni di materiale ereditabile, ottenuto mediante inserzione di molecole di DNA di qualunque provenienza, in un organismo ospite nel quale tali molecole di DNA non sono presenti naturalmente ma che, una volta acquisite, si possono propagare indefinitamente.

Animali Transgenici
: Per poter inserire un gene in un animale e farlo esprimere correttamente è necessario inserirlo precocemente. L’animale transgenico vede la sua applicazione per la produzione di molecole di interesse medico: sostituti del sangue, TPA farmaco salvavita in casi di infarto etc.

Materiale biologico
: materiale contenente informazioni “genetiche”, autoriproducibili o capace di autoriprodursi in un sistema biologico

Brevetto
: non autorizza il titolare ad attuare l’invenzione, ma si limita a conferirgli il diritto di vietare a terzi di sfruttarla a fini industriali o commerciali

Brevetto biotecnologico
: sono brevettabili le invenzioni nuove che comportino un’attività inventiva e siano suscettibili di applicazione industriale, anche se hanno a oggetto un prodotto consistente in materiale biologico o che lo contiene, o un procedimento attraverso il quale viene prodotto, lavorato o impiegato maateriale biologico. Un materiale che viene isolato dal suo ambiente naturale o viene prodotto tramite procedimento tecnico può essere oggetto di invenzione, anche se preesisteva allo stato naturale.

Principio di equivalenza sostanziale
: se un nuovo alimento o una nuova componente di un alimento viene giudicato sostanzialmente equivalente ad un alimento o componente alimentare esistente, esso può essere considerato altrettanto sicuro dell'alimento o componente convenzionale.

Novel foods: nuovi prodotti o nuovi ingredienti alimentari, tra cui rientrano gli OGM, la cui commercializzazione è regolamentata da una legge europea (CE N.258/97). L’autorizzazione da parte degli stati membri viene erogata sulla base delle linee guida sulla tutela della sicurezza degli alimenti (WHO, FAO, OCED).

Etichetta
: Una recente normativa europea impone l’obbligo di etichettatura dei prodotti contenenti OGM in misura superiore all'1%, livello sotto il quale la presenza di OGM può essere considerata casuale.

Clonazione: riproduzione di un mammifero trapiantando il nucleo di una cellula adulta in un ovulo il cui nucleo è stato asportato, e lasciandolo poi sviluppare in modo surrogato.

Biodiversità: La varietà degli organismi sia nel senso delle varianti genetiche all'interno della stessa specie che la varietà delle speci, dei generi, delle famiglie.

da "Caffè Europa"

20.10.2000


Torna alla pagina precedente

Vai alla prima pagina